essere parte della rivoluzione

150 0

Sul lavoro degli internazionalisti nelle istituzioni civili del Rojava.

La rivoluzione di tutti i tipi di rapporti esistenti in società è in corso a Rojava da sei anni ma,lungi dall’essere completata,al contrario è solo all’inizio. Deve essere difesa contro i suoi nemici, approfondita continuamente e sviluppata ulteriormente. Quindi gli internazionalisti che vanno in Rojava non vengono come turisti che possono guardare un lavoro finito. Il Rojava non è un museo in cui la Rivoluzione può essere esaminata e misurata. Il Rojava non è un monumento delle battaglie passate. Rojava è un organismo vivente che si sviluppa. E coloro che l’avvicinano come rivoluzionari fanno parte di esso.

Noi internazionalisti, di questa rivoluzione ancora giovane, proveniamo da vari paesi e da diverse tradizioni politiche. La maggior parte di noi condivide lo scopo di venire qui per guadagnare esperienza che sarà utile anche per i lavori nei gruppi e nelle strutture dei nostri paesi d’origine.
Pertanto il coinvolgimento diretto nei vari rami del lavoro civile della rivoluzione è una parte importante dell’educazione resa possibile dalla Comune Internazionale: nelle strutture delle donne e della gioventù, nei comuni e nelle cooperative. Dopo l’istruzione di base che comprende l’ideologia e il linguaggio, abbiamo deciso di lavorare nella società.

imparare a vivere con le contraddizioni

“Venendo dall’Europa, dove la Rivoluzione può essere trattata in modo piuttosto teorico, e anche la prospettiva sul Rojava rimane per lo più astratta, sono stato innanzitutto sorpreso di quante difficoltà, compromessi e problemi ho incontrato in questa rivoluzione”, afferma Baran, heval proveniente dalla Germania, venuto in Kurdistan circa un anno fa. “Non puoi sviluppare un sistema per una società libera senza contraddizioni, sedendoti sulla scrivania o avere discussioni teoriche astratte e poi metterle in pratica così come redi. La rivoluzione è un processo in cui incontri contraddizioni per tutto il tempo. Affrontare queste contraddizioni e risolverle passo dopo passo, senza perdere la prospettiva rivoluzionaria, è qualcosa che le persone possono imparare in Rojava “.

ILe contraddizioni nella costruzione di una nuova società a Rojava non consistono solamente nel fatto che siamo in una zona di guerra. L’influenza del capitalismo non si dimostra solo sotto forma aerei da combattimento o carri armati. “Uno dei modi della modernità capitalista di influenzare la gioventù sono i giochi per computer”. L’internazionalista italiano Serhildan, raccontando la sua esperienza con i ragazzi di Hileli, un quartiere alla periferia di Qamislo, racconta “ci sono quattro cosiddetti “Counters” dove i ragazzi vanno dopo la scuola a giocare a Counter strike fino alla sera. Come conseguenza del gioco eccessivo si occupano meno della realtà in cui vivono, diventano passivi. La loro identità è definita giocando ai videogiochi e i “Counters” diventano il centro dei loro rapporti sociali”. I concetti superficiali e sessistici della bellezza si trovano tra i giovani, nonché l’uso di alcol e droghe come tentativo di sfuggire a una realtà percepita come depressiva, Serhildan spiega: “le crudeltà della guerra condotta da Daesh ha un grande impatto distruttivo sui giovani senza una forte coscienza ideologica. Dopo esperienze traumatiche, i giovani si rivolgono all’alcool in cerca di distrazione e soppressione, sebbene il consumo non sia accettato dalla società tradizionale né dal movimento politico “. “Oltre agli attacchi militari commessi da Daesh, il regime siriano e lo stato turco fascista, ci sono anche attacchi di mentalità capitalistica rivolti soprattutto ai giovani allo scopo di indebolire la rivoluzione”.

La complessità della rivoluzione si estende in tutte le aree della società: le strutture della famiglia patriarcale devono essere superate, le strutture dei clan feudali devono essere trasformate senza provocare aperta inimicizia verso la nuova società. L’approvvigionamento economico deve essere garantito anche nelle condizioni più difficili.

La rivoluzione è una lotta che si combatte non solo militarmente. L’organizzazione è la chiave del successo. “Questo rende ancora più importanti le opere dei rivoluzionari in Rojava. Ai giovani sono offerte possibilità di istruzione e viene sostenuto lo sviluppo di una cultura ed indentità giovanili rivoluzionarie. Questo lavoro richiede il coinvolgimento quotidiano con i giovani, nelle loro famiglie, nelle sale giochi come nei centri giovanili. Richiede discussioni quotidiane sui desideri e gli obiettivi della gioventù ,e tutto ciò, si sta organizzando all’interno delle strutture rivoluzionarie esistenti “, afferma Serhildan,

Costruire l’autoamministrazione

Cemile dalla Francia ci racconta di coloro che combattono senza sosta questa lotta. Ha iniziato il suo lavoro a Kobane con l’Unione della Gioventù del Rojava (YCR). “L’obiettivo delle nostro lavoro a Kobane era quello di motivare i giovani a partecipare al lavoro rivoluzionario e partecipare a tutte le strutture sociali, liberandoli quindi dal loro ruolo passivo nel sistema capitalistico”, ricorda. “La rivoluzione qui in Rojava è guidata dalle strutture autonome delle donne e dei giovani. Il giovane è ancora creativo e aperto al cambiamento. Non hanno paura di intraprendere nuove strade e di partecipare con molta energia e entusiasmo a tutti i tipi di progetti. Ciò crea un’enorme forza sociale. I numerosi insegnanti hanno infine la possibilità di insegnare la propria lingua madre e la ricerca. Hanno compreso l’importanza dell’educazione indipendente e trasmettono la loro conoscenza “.

Il lavoro tra i giovani mira alla costruzione di strutture di amministrazione democratica: “Un grande obiettivo del nostro lavoro è stato quello di dare voce ai giovani, avvicinandoli alla pratica dell’auto amministrazione. Costruire i consigli giovanili,le organizzazioni studentesche e fare assemblee in modo da raccogliere le loro opinioni e suggerimenti, parlare della loro condizione e rafforzarli “.
Per Cemile e per decine di altri internazionalisti nelle opere civili, queste esperienze stanno indicando la via da seguire per il loro lavoro in Europa: “Tutto sommato questa volta è stata molto bella ed educativa”, dice. “Ciò che è speciale qui al contrario di vivere e lavorare in Europa è l’apertura della società verso critiche, le discussioni e il sostegno. Ti avvicini solo alla gente e sdiscutendo e capendo l’uno dell’altro si risolvono i problemi o si impediscono loro di venire ad esistenza. Molte cose e processi sono ancora complicati e non sono perfetti, ma c’è un rapido sviluppo della mentalità e del modo di organizzare la società, nonché uno sviluppo della situazione economica e del sistema educativo. Questi sviluppi e metodi mi lasceranno senza dubbio la convinzione che la rivoluzione continuerà a progredire nonostante tutte le influenze ostili dall’esterno, come quelle dello stato turco e quelle dell’ideologia capitalista in generale, e continueranno a indicare la strada per il lavoro rivoluzionario in tutto il mondo.”

dialettica delle prospettive

Il lavoro della società è anche un incontro di diversi punti di vista.Dice Cemil, “Secondo la mia prospettiva internazionalista era qualcosa di importante poter passare alla gioventù: l’importanza dei loro passi per i processi rivoluzionari ovunque, la loro funzione come modello per gli altri, il collegamento delle diverse lotte che ritengo necessarie per un cambiamento rivoluzionario mondiale “. Mentre contribuiscono alle esperienze di altri movimenti sinistra,alle lotte locali, gli internazionalisti, allo stesso tempo cambiano i propri modelli di pensiero e di percezione. Possono imparare a lavorare, al di fuori della propria “scena” o “sottocultura”, tra la “popolazione”. Imparano quanta pazienza è richiesta, ma anche non presentarsi come missionario ma come umano tra gli esseri umani.

“Dal punto di vista di una sinistra radicale che piuttosto si distanzia dalla società anziché cercare di organizzarla, lavorare con la società è stata un’esperienza molto importante”, dice Baran dalla Germania. “Visitare le famiglie gioca un ruolo importante in questo lavoro; sia le famiglie che già sostengono la rivoluzione così come coloro che sono più vicini al KDP o al regime siriano. Per me il lavoro politico consisteva sempre nella scrittura di chiamate all’azione, e l’organizzazione di marce di protesta e di riunioni e altre attività simili. Durante il mio tempo a Derik ho sperimentato quanto sia importante visitare una famiglia e cenare con loro “