Eroe del nostro tempo – Andok Cotkar, Konstantin

185 0

Il 16 ottobre 2019 Andok Cotkar, Konstantin, di Kiel, nella Germania settentrionale, è caduto durante un raid aereo a Serekaniyê, nel nord della Siria, nel corso della guerra di aggressione della Turchia, membro della NATO.

Nel settembre 2016, Heval Andok si è unito alla Forza di difesa popolare delle YPG in Rojava, nel nord della Siria, per Unirsi alla lotta contro l’ISIS. Ha partecipato a battaglie su vari fronti contro l’ISIS nelle regioni Minbic, Cerablus e Raqqa. Dopo essere stato ferito è tornato a casa per un po’, ma poi è tornato in Kurdistan unendosi alle unità di resistenza di Şengal YBŞ per difendere il popolo ezida da ulteriori genocidi. Con l’inizio degli attacchi dello stato fascista turco e dei suoi mercenari jihadisti, si è immediatamente offerto volontario con molti altri amici per difendere la Rivoluzione della Speranza che è fiorita nel Rojava dal 2012.

Come molti altri amici e persone in lotta, ha dato la vita nella resistenza contro il fascismo e in difesa della dignità umana. In un momento in cui tutti i sovrani da Trump a Putin a Kamp-Karrenbauer si susseguono l’un l’altro con tradimenti, ipocrisia e sete di sangue e profitti, il nostro amico e compagno Konstantin Andok è davvero un eroe del nostro tempo.
Quando Konstantin partì dalla sua casa sulla costa baltica, non raccontò a nessuno dei suoi piani. Prese un aereo per il Kurdistan nella giornata internazionale contro la guerra, il 1 settembre 2016. Solo quando era già sulla strada ha informato la sua famiglia, che da allora, come molte altre famiglie tedesche, è forse diventata parte del destino del popolo curdo resistente. Konstantin non era un ex soldato o attivista di sinistra come molti altri che si uniscono alle YPG. Era semplicemente un uomo la cui coscienza non poteva più tollerare le atrocità dell’ISIS e dei suoi alleati e quindi ha seguito il suo cuore, unendosi alla resistenza per difendere i popoli del Medio Oriente e per una società democratica, ecologica e per la libertà delle donne.

Abbiamo conosciuto Heval Andok come una persona molto ferma e modesta. Appena arrivato in Rojava, rispondendo alla domanda da dove proveniva disse: “Da Kiel, insediamento borghese”. In precedenza Konstantin aveva lavorato come agricoltore, per questo ha ottenuto il secondo nome Cotkar. Parlava in un dialetto tedesco tipico della costa baltica, non in tedesco classico, e si faceva apprezzare da tutti i suoi amici con il suo atteggiamento naturalmente generoso e il suo tipico umorismo nordico. Dopo essere stato ferito a Raqqa, in un documentario televisivo ha dichiarato: “Quando torno in Europa non vedo l’ora di rivedere la mia famiglia, i miei amici e anche i miei ex capi. E non vedo l’ora di lavorare di nuovo come agricoltore. Almeno per un po’, perché è anche divertente.”

Non pensava molto alle discussioni accademiche sulle teorie politiche, piuttosto voleva imparare praticamente come fare il proprio dovere nella lotta con le YPG, come proteggere se stesso, i suoi amici e la popolazione. Tuttavia, leggeva con curiosità le idee di Abdullah Ocalan sul confederalismo democratico ed ha sempre partecipato attivamente alle discussioni. Ma il fatto che fosse soprattutto un uomo pratico e d’azione è dimostrato dal fatto che ha anche salvato la vita di molti amici come paramedico al fronte e si è distinto per il suo instancabile impegno e spirito cooperativo. Per lui, il Rojava era il luogo in cui poteva davvero esprimere la propria personalità e le proprie capacità, e dove era sempre molto felice e gioiva di far parte della comunità dei suoi Heval.
Dopo il ritorno nella sua terra natale nella Germania settentrionale e nel corso della guerra di occupazione di Afrin da parte dello stato fascista turco, solo un assaggio dell’attuale attacco, rimase in contatto con la società curda e cercò di essere coinvolto anche lì. Lo stato lo ha accolto al suo ritorno accusandolo di terrorismo, dopo tutto come membri della NATO essi stessi facevano parte del progetto delle cinture verdi (forze jihadiste) contro i movimenti socialisti e progressisti in Medio Oriente ed ancora oggi alimentano il terrore dello stato fascista turco e delle sue bande di alleati assassini jihadisti. Solo quest’anno, un quarto di milione di euro di armamenti sono stati consegnati in Turchia dalla Germania. Una storica fratellanza in armi dai tempi di Bismarck e dell’Impero ottomano. Una linea ideologica comune di fascismo che da Atatürk passa per Hitler fino ad Erdogan. I discendenti delle vittime del genocidio di armeni, ezidi, siriaci, aleviti e curdi del secolo scorso, poi fuggiti nel nord della Siria, sono gli stessi che ora sono colpiti dall’espulsione e dalla pulizia etnica nel Rojava.

Ma coloro che portano nella memoria e nei loro cuori la resistenza contro il fascismo in Germania, in Italia o in Spagna del secolo scorso, sono proprio quelli che oggi si assumono nuovamente la responsabilità di difendere la dignità umana contro la barbarie del capitalismo. Oggi questa lotta si sta svolgendo in Kurdistan a nome di tutta l’umanità. Heval Konstantin Andok lo ha sentito e capito. Pertanto non rimase a lungo in Europa, dopo alcuni mesi cercò di tornare in Rojava con insistenza. Come diceva lui stesso, la vita in Germania aveva perso il suo significato. Per Heval Konstantin Andok questo significava essere parte della speranza che il Rojava da al mondo intero e difenderlo. Ecco perché non sarà mai dimenticato e ci lascia con una grande responsabilità.
Anche in memoria dell’attivista antifascista e contro la guerra Anni Wadle di Kiel e dei compagni più stretti di Heval Andok: Anton Leschek, Michael Israel, Ryan Lock e di tutti coloro che sono morti nella lotta per l’umanità, esprimiamo la nostra sincera solidarietà alla famiglia di Konstantin ed a tutti i suoi amici. Porteremo i loro sogni nei nostri cuori. Quando opponiamo resistenza, Heval Konstantin Andok è con noi con il suo cuore e la sua anima sia sul fronte in Kurdistan che sulle strade delle metropoli e ci darà la forza di cui abbiamo bisogno per porre fine alla follia. Continueremo la tua lotta. Non potranno mai soffocare la ricerca di libertà e giustizia. Perché la resistenza è vita, quindi fino ad oggi “Non perdoniamo-non dimentichiamo” tutti insieme contro il fascismo.

Şehîd namirin – I martiri sono immortali!
Lunga vita alla rivoluzione del Rojava!